Giornata dei musei – lunedì di Pentecoste

Domenica, 19 maggio avrà luogo la giornata internazionale dei musei e pertanto l’ingresso al museo sarà gratuito.

 

Lunedì, 20 maggio il museo sarà aperto dalle ore 10.00 alle ore 18.00!

Paleontologia
2016

La storia delle piante fossili in Italia. Paleobotany of Italy

Kustatscher, E.; Roghi, G.; Bertini, A.; Miola, A et. al
Abstract

Seconda edizione del volume sullo stato dell’arte della paleobotanica in Italia. La prima edizione (2014), nata all’interno dell’organizzazione del nono congresso di Palinologia e Paleobotanica (EPPC) svoltosi a Padova nel 2014, rispondeva all’esigenza dei paleobotanici italiani di testimoniare, soprattutto al grande pubblico, l’importanza e l’utilità di questa disciplina. Il visitatore del Museo di Storia Naturale più spesso attratto dal fossile di un gigantesco dinosauro, passa velocemente accanto alle vetrine contenenti grandi (tronchi) o piccoli (foglie, semi, frutti) reperti vegetali. Spesso neppure immagina che all’interno di un pugno di sedimento sono contenuti milioni di microscopici granuli pollinici fossili! Scopo del volume è quindi dare luce al mondo delle piante fossili, alla paleobotanica, spesso oscurata da altri settori della paleontologia che certamente nel passato hanno più stimolato l’immaginario di grandi e piccini. Eppure l’Italia per le sue caratteristiche geologiche, offre un’ampia testimonianza di reperti vegetali che, a partire dal Paleozoico, hanno reso possibile, come il lettore potrà scoprire in questo volume, il racconto di una storia della flora lunga oltre 300 milioni di anni. Le principali testimonianze botaniche fossili macro- e microscopiche sono quindi presentate in ordine cronologico descrivendo, per ogni intervallo di tempo, i ritrovamenti nell’Italia settentrionale, centrale e meridionale e della Sardegna. Il lettore potrà così scoprire che ad antichissime flore fossili del Paleo- Mesozoico, per lo più rappresentate da gruppi di piante oggi estinte, seguirono flore più simili a quelle attuali. Data grossomodo a 60 milioni di anni fa la comparsa delle angiosperme e da allora attraverso complessi processi evolutivi e di adattamento ai diversi cambiamenti ambientali siamo arrivati attraverso il Quaternario alla flora attuale, quella che osserviamo intorno a noi. Il capitolo finale sull’archeobotanica permette di ricostruire attraverso i resti vegetali più recenti, conservati in contesti antropici antichi la storia dell’Uomo, e del suo ambiente.

 

ISBN 978-88-87108-09-5

Non mancare ai nostri prossimi eventi!

Se desideri, ti mandiamo una volta al mese una nostra newsletter. Iscriviti subito!
Si è verificato un errore durante l'invio del messaggio. Si prega di riprovare più tardi.
Grazie per il suo messaggio. È stato inviato.