Il gallo cedrone

6. Settembre

Conferenza su uno speciale abitante delle Alpi

Il gallo cedrone, l’importante ruolo che svolge nella sua comunità, e i pericoli che corre, sono oggetto di una conferenza organizzata dalla Piattaforma Biodiversità dell’Alto Adige il 7 settembre al Museo di Scienze Naturali. In lingua tedesca. Anche online.

 

Il gallo cedrone è uno dei rappresentanti più carismatici della comunità di specie subalpina e un’importante specie ombrello: la sua protezione assicura la sopravvivenza di un intero ecosistema, perché, avendo grandi pretese nel suo habitat, la sua conservazione garantisce la sopravvivenza di numerose altre specie nello stesso habitat. Tuttavia, in molti luoghi il numero di abitanti del gallo cedrone è in calo.

In occasione della conferenza in lingua tedesca “Aktuelle Forschung zum Auerhuhn in Südtirol – Einblicke in das Leben eines besonderen Alpenbewohners” organizzato dalla Piattaforma Biodiversità dell’Alto Adige, verranno presentati due progetti di ricerca in corso: uno studia gli effetti della tempesta Vaia, l’altro verte sulla modellazione degli habitat delle specie, in cui vengono simulati scenari negli habitat per poter prevedere gli effetti, ad esempio, dei futuri sviluppi dell’uso del suolo da parte dell’uomo sulla diffusione di specie animali e vegetali.

Ne parleranno Andrea Sailer, ecologa della fauna selvatica con un interesse per il gallo cedrone e l’impatto della tempesta Vaia, e Benjamin Kostner, ecologista della fauna selvatica con un’attenzione particolare alle relazioni uomo-ambiente e alla modellazione degli habitat.
Il colloquio si terrà mercoledì 7 settembre alle ore 18 presso il Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige. L’ingresso è gratuito. È necessaria la prenotazione online sul sito del museo al link https://app.no-q.info/naturmuseum-sudtirol/calendar#/event/123130. L’evento è visibile anche sul canale YouTube del museo al link https://youtu.be/EK2R5crLIKc.

La Piattaforma Biodiversità dell’Alto Adige è nata nel 2020 su iniziativa del Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige, dalla Ripartizione Natura, paesaggio e sviluppo del territorio della Provincia autonoma di Bolzano e dal team di monitoraggio della biodiversità di Eurac Research. L’obiettivo è quello di costruire una rete che coinvolga tutti gli attori e le istituzioni attive nel campo della biodiversità.

Qui potete trovare ulteriori articoli

12. Maggio
Alberi in città
22. Novembre
Il silenzioso dramma delle cozze d’acqua dolce

Non mancare ai nostri prossimi eventi!

Se desideri, ti mandiamo una volta al mese una nostra newsletter. Iscriviti subito!