GreenPass

Per visitare il museo dovete essere in possesso del Green Pass. A partire dal 6 dicembre 2021 dovrete invece munirvi del “Super Green Pass” (guarito o vaccinato).

L’erbario BOZ: Collezione generale

L’Erbario del Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige (BOZ = codice internazionale secondo l’Index Herbariorum) è stato fondato ex novo nel 1998 e da allora è in costante sviluppo. 

In accordo con l’attività dei curatori attualmente impiegati nel museo, la collezione si concentra sulle felci, licopodi, equiseti, piante a fiore (pteridofita e fanerogame = piante vascolari o tracheofite) e sulle briofite (bryophyta = epatiche, antocerote e muschi). I punti focali geografici della collezione attuale sono l’Alto Adige (Provincia di Bolzano) e oltre le Alpi e l’area mediterranea. 

 

L’ampliamento dell’Erbario è realizzato non solo attraverso l’attività di raccolta dei curatori del museo, ma anche attraverso donazioni e acquisti di collezioni private.

 

Le piante vascolari costituiscono la maggior parte dell’Erbario BOZ. Essi comprendono circa 110.000 esemplari (al novembre 2019). Di questi, circa il 95% sono catalogati e i dati corrispondenti sono quindi accessibili tramite una banca dati. Tra le famiglie, le graminacee (Poacee) sono particolarmente rappresentate. Ciò è dovuto dalla forte presenza della famiglia nella collezione Huter, dalla collezione di Graminacee di Josef Kiem e dai molti anni di lavoro del curatore T. Wilhalm con questo gruppo di piante. Nell’Erbario BOZ ci sono (a novembre 2019) più di 15.500 campioni di Poacee con più di 1500 specie (in particolare: Festuca, Stipa) provenienti da tutte le parti del mondo.

 

La collezione briologica (con particolare attenzione all’Alto Adige e alle Alpi) comprende attualmente circa 16400 campioni, di cui circa il 95% è registrato nella banca dati (stato: novembre 2019).

 

L’Erbario BOZ contiene anche una collezione lichenologica con quasi 2500 campioni. La collezione di Rupert Huter ne conta 1364.  Il resto proviene da progetti di ricerca, erbari studenteschi e collezioni individuali di varie persone.

 

Con solo poche centinaia di campioni, le alghe sono rappresentate nell’Erbario BOZ.

 

Nell’erbario BOZ sono presenti anche campioni di funghi (esiccata). Si tratta principalmente di esiccata del genere Cortinarius: 61 campioni di Sandro Azzolini, 290 campioni dalla collezione dei Cortinari (JEC) dell’Associazione Micologica Bresadola Bolzano e campioni Typus.

 

Importanti collezionisti dell’Erbario BOZ, cioè rappresentati da numerose raccolte (> 500, *>1000, **>5000):

 

Storici (prima del 1950): Anton Außerdorfer, Joszef Barth, Joseph Friedrich Bornmüller*, Johann Breidler, Iganz von Buol, Konrad Fischnaler*, Hieronymus Gander*, Franz Hausmann, Theodor Heinrich von Heldreich, Michael Hellweger*, Julius Hermer, Rupert Huter**, Anton Kerner von Marilaun, Arthur Ladurner*, Franz Josef Lagger, Emile Levier, Josef Murr*, Thomas Pichler*, Pietro Porta*, Elisée Reverchon, Gregorio Rigo*, Paul Ernst Sintenis*, Georg Treffer*.

 

Recenti (dopo il 1950): Georg Aichner, Reinhold Beck, Andreas Hilpold**, Norbert Hölzl*, Josef Kiem*, Hermann Lauer, Petra Mair*, Alfons Schäfer-Verwimp*, Hanspeter Staffler, Josef Stuefer, Wilhelm Tratter*, Thomas Wilhalm**, Franziska Zemmer.