GreenPass

A partire dal 6 agosto 2021 sarà necessaria una certificazione verde per visitare il museo.

City Nature Challenge 2020

17. Aprile

Con quali piante e animali viviamo insieme?

Per la prima volta l’Alto Adige partecipa al rilevamento internazionale della biodiversità nelle aree urbane. Il Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige, il Biodiversity Monitoring South Tyrol / Eurac research e la Piattaforma della Biodiversità, sostenuti dall’Ufficio per la Natura della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige, organizzano quattro giornate di rilevamento tra il 24 e 27 aprile 2020.

 

 

Quest’anno la City Nature Challenge diventerà la “Corona Nature Challenge”. L’obiettivo però rimane lo stesso: cerchiamo piante, animali e funghi selvatici, li fotografiamo e inviamo le foto alla piattaforma di iNaturalist tramite l’applicazione iNaturalist, indicando la presunta specie di appartenenza.

 

Gli esperti del Biodiversity Monitoring South Tyrol / Eurac research e della Piattaforma Biodiversità analizzeranno le foto, correggeranno, se necessario, la determinazione della specie, ed elaboreranno i dati.

 

A differenza delle quattro edizioni precedenti le osservazioni non saranno condotte negli spazi verdi dei centri urbani. Attenendoci alle disposizioni sanitarie per l’emergenza Covid-19 il rilevamento deve essere effettuato intorno a casa: in giardino, nella stalla, in cantina, nel vaso di fiori davanti alla porta o sul balcone, o addirittura all’interno della nostra abitazione, dove dietro una porta o nel bagno possiamo magari trovare ragni o pesciolini d’argento.

Dal 03 maggio sapremo quali piante selvatiche, animali e funghi vivono nelle nostre immediate vicinanze. E vedremo anche quanti esemplari e quante specie, forse anche molto rare, sono stati fotografati.

 

Quando: 24, 25 e 26 aprile 2020

 

Cosa: fotografiamo piante selvatiche, animali, funghi

 

Come: con smartphone, tablet o con una macchina fotografica caricando le foto sul computer

 

Utilizziamo l’app gratuita iNaturalist (Play Store, App Store).

 

Scattiamo delle foto, le carichiamo e le condividiamole con la Community, che può aggiungere altri suggerimenti riguardo alla determinazione proposta.

 

A che scopo: il Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige, il Biodiversity Monitoring South Tyrol / Eurac research e la Piattaforma Biodiversità rilevano le specie selvatiche in tutto l’Alto Adige. Gli organismi selvatici che vivono a stretto contatto con l’uomo, in appartamenti, balconi e giardini non sono ancora stati studiati in modo sistematico.

 

Mosche, ragni, cimici, onischi, lucertole, cince, picchi, funghi del legno, licheni e tutte le piante che consideriamo erbacce, che crescono sui muri o tra le piastrelle del giardino, si sono adattati all’attività umana. Impariamo a conoscerli meglio! Forse allora sarà più facile condividere con loro il nostro comune ambiente naturale.

Qui potete trovare ulteriori articoli

10. Giugno
Eclissi solare parziale
13. Gennaio
La biodiversità in Alto Adige