Il supervulcano visto dall’alto

17. Maggio

Durante due corse in salita e in discesa con la funivia del Renon, sarà possibile parlare con una paleontologa ed un geologo del supervulcano che 280 milioni di anni fa si estendeva da Merano a Trento e che è stato attivo più volte. L’iniziativa organizzata dal Museo di Scienze Naturali in collaborazione con la STA – Strutture Trasporto Alto Adige si terrà il 23 maggio.

Una delle più grandi eruzioni vulcaniche della storia è stata innescata da lui: il supervulcano altoatesino, che alla fine del Paleozoico dominava l’odierna regione del Trentino-Alto Adige, raggiungeva un diametro di circa 70 km ed era costituito da almeno due cavità a forma d’imbuto (caldere); le sue tracce sono ancora visibili a nord di Bolzano, in Val di Non e nella Valsugana settentrionale.

 

Ne parleranno la paleontologa e collaboratrice del Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige Evelyn Kustatscher e il geologo Corrado Morelli martedì 23 maggio alle ore 18 in una cabina della funivia del Renon. I possenti depositi di porfido, ben visibili dalla funivia, testimoniano ancora oggi l’imponente attività del vulcano. Tra questi strati di roccia, i periodi di quiescenza raccontano l’insediamento di piante e animali che hanno lasciato tracce profonde.

 

Il punto d’incontro è alle ore 17.45 alla stazione a valle della funivia del Renon. Il costo delle due salite e discese sarà a carico di chi partecipa, sarà possibile usare il proprio AltoAdige Pass o biglietti acquistati in anticipo. Per il resto la partecipazione all’evento è gratuita. È necessaria la prenotazione sul sito del museo.

 

Info: tel. 0471 412964.

Qui potete trovare ulteriori articoli

29. Gennaio
Ultimi giorni a Bolzano per il pezzo di Luna
23. Aprile
Finalmente si riparte!

Non mancare ai nostri prossimi eventi!

Se desideri, ti mandiamo una volta al mese una nostra newsletter. Iscriviti subito!
Si è verificato un errore durante l'invio del messaggio. Si prega di riprovare più tardi.
Grazie per il suo messaggio. È stato inviato.